Tacan`sina_2

Incontri con Tacan`sina : Uomo Medicina e Sciamano nativo americano

Il centro Albero dei Desideri ha il piacere di ospitare uno degli ultimi Sciamani nativi americani .

Oyaté tha Tacan`sina – Grande Orso
Wicasa Pezuta e Wikasa Wakan del popolo dei Mandan – Uomo Medicina e Sciamano nativo americano
Quattro giorni in cui sarà possibile ascoltare e vivere insieme a uno degli ultimi eredi della cultura e della conoscenza dei nativi d’America , delle esperienze di forte spiritualità e introspezione.

PROGRAMMA :

Venerdì 16 Marzo – ore 20.00
CONFERENZA : “Parliamo di Madre Terra” – Contributo responsabile
Si dice che noi esseri umani, in particolare i popoli indigeni, siamo i custodi di Madre Terra. Attraverso un processo durato secoli il nostro rapporto con la Madre ha gradualmente perso intensità e sempre di più abbiamo dimenticato il nostro incarico. Sì, abbiamo dimenticato non solo chi siamo e per quale motivo siamo venuti qui, ma siamo stati indirizzati anche in maniera sbagliata e abbiamo perso la connessione con gli Avi.
Ogni popolo ha la sua medicina sacra e la sua eredità sacra. Raccogliendole e riunendole ritroviamo il nostro vero potere. Rinasce dalla sensazione della comunità, della consapevolezza del fatto che tutto è intrecciato con tutto e dall’amore puro, profondo verso tutto ciò che esiste. Non siamo da soli – siamo in tanti!

Cara Madre,
nati da te e a casa su di te, ci hai dato il nostro corpo. Tu sei il terreno sul quale cresciamo. Su di te possiamo evolverci.
Per questo ti ringraziamo.
Tu ridai anche quello che noi ti diamo. Ci nutri con i semi del tuo terreno. Tu rendi possibile la nostra vita. E ci sono più persone che muoiono di ciò che lasciamo su di te, che di conflitti o fame.
Non solo tu hai bisogno del nostro aiuto, anche noi abbiamo bisogno del tuo! Desideriamo vivere su di te e continuare ad evolverci.
Possano più persone riconoscerti come Madre.
Accetta la nostra gratitudine. Che si possa distribuire il messaggio all’umanità.
Cara Madre, possa fluire a te tutto ciò che è necessario in modo che tu possa essere nella tua piena forza.
A´ho Mitakuye Oyasin (siamo tutti imparentati)

Sabato 17 Marzo – 10.00/18.00
SEMINARIO – “Animali di potere e Animale Totem”
Inclusa meditazione guidata per la ricerca del proprio animale Totem
Il concetto di Medicina secondo i Nativi Americani è ciò che può migliorare il nostro rapporto con Wakan Tanka (il Grande Mistero) e con tutta la vita. Comprende la guarigione di Corpo – Mente – Anima. E‘ un costante vivere la vita in modo da portare Guarigione a Madre Terra e alle creature nostre compagne. Si tratta di un “modo di vivere“ onnicomprensivo, ovvero il cammino su Madre Terra in perfetta armonia con l’Universo. I nostri compagni Animali esibiscono modelli di comportamento e trasmettono messaggi di guarigione a chiunque voglia apprendere le loro lezioni vivendole. Ad ogni Animale è stata assegnata una particolare lezione, anche se ognuno di essi ha centinaia di lezioni da impartire con un potere che può essere evocato. Accanto ad ogni individuo ci sono Animali di potere e Animali totem che rappresentano la medicina che essi portano sul Sentiero della Terra e possono darci sostegno nella quotidianità. Questi Animali emulano qualsiasi abilità e talento. In questo Seminario, impareremo a conoscere e familiarizzare con questa medicina. Oyathé-tha-Tacan’sina ci guiderà alla scoperta dei nostri Animali di Potere e attraverso una meditazione contatteremo il nostro Animale Totem.

Domenica 18 e Lunedì 19 Marzo
COSTELLAZIONI FAMILIARI e INCONTRI INDIVIDUALI
L’origine delle costellazioni familiari si trova nella tradizione dei nativi. Il Wicasa-pezuta (uomo di medicina / sciamano) può eseguire questo lavoro, poiché solo lui come mediatore e agente del Mondo Spirituale – quindi come “strumento” di quest’ultimo – è autorizzato a risolvere i legami energetici. Tutti noi siamo connessi ad ogni esistenza all’interno della nostra cerchia familiare. Questo spesso porta a coinvolgimenti emotivi che possono ostacolarci nel nostro modo di vivere. Particolare importanza è attribuita ai parenti defunti, specialmente con una storia di vita difficile, così come da un destino pesante della coscienza familiare.
Oyathé-tha-Tacan’sina lavora secondo la tradizione dei suoi antenati, il popolo dei Mandan, mantenendo uno stretto contatto con il Mondo Spirituale, rendendo visibili le strutture relazionali e gli intrecci tra i membri della famiglia così da poter essere risolti grazie al supporto del lavoro sciamanico.
Oltre al lavoro già descritto, attraverso specifiche tipologie di costellazioni, possono essere affrontate altre problematiche. Ne sono un esempio:
– L’infanzia – costellare i primi 14 anni di vita (compresa la fase prenatale), in cui si osserva quando e se sono sorti problemi che influenzano il presente.
– Riequilibrio e integrazione di Anima, Mente e Corpo per ricreare l’armonia della Trinità. Questo fa sì che la persona ritrovi il suo centro.
– Problematiche del quotidiano – i problemi della vita vengono affrontati al fine di ottenere chiarezza in circostanze difficili, ad esempio lavoro, istituzioni, malattie, ecc.

INCONTRI INDIVIDUALI:
Oyathé-tha-Tacan’sina grazie a metodi sciamanici di sua conoscenza osserva i problemi fisici, mentali ed emotivi della persona che cerca aiuto presentandosi ad un colloquio individuale.
Oyathé-tha-Tacan’sina lavora sui problemi che gli vengono presentati mantenendo sempre uno stretto contatto con il Mondo Spirituale. Lui si impegna al massimo utilizzando al meglio le sue conoscenze e abilità per aiutare la persona. Questo lavoro non ha nulla a che fare con lo spiritismo!
La seduta generalmente ha una durata di circa 30 minuti.

Per questioni organizzative è richiesta prenotazione – è possibile partecipare ad ogni singola giornata

Tacan´sina è un discendente dei Numakaki – Mandan (suo nonno era sciamano ed è stato uno degli ultimi Mandan a sopravvivere all’epidemia di vaiolo nell’anno 1837).
I Mandan vivevano nel Nord Dakota (USA) e in Canada.
Tacan´sina, cresciuto in Germania (Svevia), dopo gli studi universitari si è recato in Canada da suo nonno Tunka´shila, con cui ha trascorso molti anni vivendo all’interno della riserva, apprendendo da lui il sapere e acquisendo la propria conoscenza da grandi maestri e sciamani.
Iniziato sciamano/uomo di medicina nel 1992 su decisione del “Consiglio dei Dodici”, dal 1997 prosegue l’opera di suo nonno Tunka’shila, operando come Wicasa-Wakan (Uomo Sacro) nell’America del Nord, Centrale e del Sud e in Europa, seguendo la tradizione dei suoi antenati e degli indiani d’America.